Close

REALIZZAZIONE CENTRO COMMERCIALE AREA SAVUTO

In merito all’articolo de IL QUOTIDIANO pubblicato in data 23.03.2023, su pagina 16, si precisa quanto segue in riferimento alla verità dei fatti. Una piattaforma di distribuzione alimentare è già operativa da quasi 10 anni, consentendo attività lavorativa ad almeno 30 unità. Il capo d’accusa della Sentenza provvisoria che è apparso sul giornale, non firmato da nessuno, non ha né specificato la motivazione e nè ha dichiarato che l’opera sia abusiva. Un altro falso in merito alla destinazione agricola della zona. E’ ora che qualcuno faccia chiarezza e spieghi il motivo per cui questa zona, per un opera dichiarata di interesse pubblico unanimemente dal Consiglio Comunale, ad un tratto, per la Querelante Ditta Metallo, diventi agricola, quando è evidente anche ad un cieco, dalla foto pubblicata sul sito del Comune di Altilia, che la querelante in quella zona ha costruito ristoranti, un’edicola, un ufficio postale, una tavola calda e locali per un’officina meccanica,  con permessi a costruire da parte dell’Amministrazione Comunale di Altilia. È falso, tra l’altro, anche l’affermazione sul giornale, che i Tecnici Comunali hanno ordinato lo spostamento dell’impianto GPL. Gli uffici comunali, al contrario, hanno ordinato solo l’adeguamento dell’impianto perché non conforme alle nuove disposizioni legislative e, anche nell’area ormai urbanizzata, per il danno ambientale che può provocare. In merito alla condanna citata bisogna fare un po’ di chiarezza. La querelante Ditta Metallo si è vista , altresì , recapitare le seguenti sentenze:
Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria (sez IIa) , in data 14.12.20, definitivamente pronunciando sul Ricorso, dichiara la domanda proposta di annullamento della Ditta Metallo in parte irricevibile ed in parte inammissibile;

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria (sez IIa), in        data 12.10.21, definitivamente pronunciando sul Ricorso, lo dichiara inammissibile. Condanna la parte Ricorrente al pagamento delle spese di giudizio in favore del Comune di Altilia Resistente e della parte contro interessata.

Il Presidente della Repubblica, ancora con Decreto del 13.12.21, ha dichiarato il Ricorso straordinario, per l’annullamento del permesso a costruire, improcedibile.

Il Tribunale di Cosenza, ufficio Giudice per le indagini preliminari, nella sentenza del 17.03.23, assolve gli imputati perché il fatto non sussiste per il reato loro ascritto, relativamente all’ipotetica edificazione sul terreno con vincolo paesaggistico, nello specifico nella fascia di rispetto del Torrente Carito. L’edificio, pertanto, del Centro commerciale risulta legittimamente costruito in base alle normative urbanistiche vigenti.

Ricordiamo che Il Tribunale di Cosenza, nella sez. per il riesame della sentenza del 17.06.21, ha dichiarato il permesso a costruire “pienamente legittimo”.

Come Amministrazione Comunale, con piena fiducia negli organi della Magistratura, continueremo a produrre ogni azione per l’apertura del Centro Commerciale e della Banca, strutture pubbliche che vanno in direzione dell’interesse, non solo del Comune di Altilia, ma dell’area del comprensorio del Savuto.

REALIZZAZIONE CENTRO COMMERCIALE AREA SAVUTO

PROCEDURA APERTA: Interventi di Adeguamento sismico, Efficientamento energetico…